«È un cattivo cuoco quello che non sa leccarsi le dita.» William Shakespeare

sabato 26 maggio 2012

Strozzapreti campagnoli

Il lardo che ho utilizzato in questa ricetta, non è il famoso lardo di Arnad o di Colonnata, ma quello bergamasco.
“Ol lard de la bergamasca”, così viene etichettato, è prodotto esclusivamente con “suino pesante italiano” (160 chili circa). La parte superiore della schiena e del collo del maiale viene salata e speziata manualmente anche con l'aggiunta di erbe aromatiche e fatta stagionare per 60 giorni. Successivamente viene messa a macerare per altri 30 giorni in un'infusione di vino bianco. Si ottiene così un prodotto morbido, dal colore bianco, venato di rosa e dal sapore dolce e delicato che si scioglie letteralmente in bocca.

Lardo bergamasco


Ho unito il lardo a degli ingredienti che aiutano a smorzare la sua grassezza e ne hanno esaltato tutto il sapore: pomodori, capperi e cipollotti freschi. Il tutto è servito per condire una pasta fresca di semola di grano duro, dall'ottima consistenza.
Beveteci assieme un rosso vivace come ad esempio un Lambrusco di Modena secco.

Strozzapreti campagnoli


INGREDIENTI: 2 porzioni
170 gr di strozzapreti
2 pomodori di media grandezza
2 cipollotti
1 fetta di lardo bergamasco tagliato spesso
un cucchiaio di capperi sotto sale
olio extravergine d'oliva
una punta di cucchiaio di zucchero
pepe nero
un rametto di rosmarino
sale q.b.

PREPARAZIONE:
Tagliate la fetta di lardo a pezzetti e fatelo sciogliere in una padella con qualche cucchiaio di olio.
Tagliate i cipollotti a rondelle sottili e fateli cuocere molto lentamente insieme al lardo. Aggiungete anche un goccio di acqua in modo che si ammorbidiscano (non devono soffriggere).
Nel frattempo tagliate a falde i pomodori, dissalate i capperi e tritate finemente gli aghi di rosmarino,
quindi unite questi ingredienti ai cipollotti. Regolate di sale e aggiungete anche lo zucchero. Unite un po' di acqua e lasciate cuocere per una decina di minuti.
Fate cuocere in acqua bollente salata gli strozzapreti, scolateli al dente e saltateli nella padella del condimento. Aggiungete un goccio di acqua di cotura della pasta e mantecate per un minuto spadellando.
Servite profumando a piacere con del pepe nero macinato fresco e decorate con un rametto di rosmarino.


Con questa ricetta partecipo al contest "5 solo 5" 
ideato da Leivinvita
5 solo 5

15 commenti:

  1. Gli strozzapreti mi piacciono fatti in qualunque maniera. La tua è stupenda. Ciao

    RispondiElimina
  2. a parte la bontà degli strozzapreti in genere, concordo sulla perfezione del nostro lardo, in barba ai blasonati che citavi :)) non c'è paragone!

    RispondiElimina
  3. una vera prelibatezza...li voglio oraaaa!!

    RispondiElimina
  4. Una vera bontà :)

    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo lardo di Bergamo, ottimo suggerimento abbinato agli strozzapreti poi ... che bontà. Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Buoni gli strozzapretti e ottimo il condimento...chissà che piatto gustoso!!!

    RispondiElimina
  7. Un'ottima idea quella di mitigare il lardo con ingredienti freschi ed una cottura veloce, molto indicata per le temperature della stagione ;)
    buona domenica (oh, non piove!)
    Valentina

    RispondiElimina
  8. beh il lardo da sempre quel tocco in piu'.....complimenti per la ricetta gustosissima!!! ciao

    RispondiElimina
  9. Che bontà cara. Buona domenica, e con questo piatto sfido il contrario

    RispondiElimina
  10. Ciao, ma che invitanti questi strozzapreti! Semplici ma ricercati nel gusto.
    Il lardo non sarà quello di Colonnata ma secondo noi rende altrettanto bene!
    baci baci

    RispondiElimina
  11. Ciao Gustosamente, innanzitutto complimenti per il tuo blog! Mi sono appena unita e gia parto con la prima domanda: come fai a fare delle foto cosi luminose e definite? Per caso usi una reflex? sto valutando di comprarne una visto che per ora utilizzo l'iphone per fare foto...
    grazie, alla prossima ricetta ^_^
    valentina
    pas: se hai voglia e tempo ti lascio il link al mio blog neonato:
    guladelamajun.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. sicuramente gustossimi!! brava

    RispondiElimina
  13. @Valentina Masotti
    Eh sì Valentina, uso una reflex, più precisamente una Canon Eos 500D ... le foto con una reflex non hanno parogone e tiani conto che la mia non è una di quelle proprio professionalissime.

    RispondiElimina
  14. Immaginavo, dovrò metterla a preventivo anch'io! non c'è confronto con le macchinette (o peggio l'iphone). Complimenti ancora per il blog ;) a presto

    RispondiElimina
  15. Complimenti per il tuo blog, davvero interessante! da oggi ti seguo, se ti va, passa anche tu da me

    RispondiElimina

Se ti fa piacere lascia un commento e non dimenticare la tua firma ... così saprò con chi sto parlando ^_^